COMUNICATO DEL 23 LUGLIO 2024

Sindacati taxi,dopo sentenza Consulta concludere riforma settore

ROMA (ANSA) – ROMA, 22 LUG – “La recente sentenza della Corte Costituzionale con la quale si cancella il blocco temporaneo di nuovi bandi per il rilascio di autorizzazioni di noleggio, deve rappresentare un forte stimolo alla conclusione del processo di riforma del settore, iniziato nel 2019 e non ancora concluso”. È quanto dichiarano in una nota Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Satam, Tam, Claai, Unione Artigiani, Ati taxi, Unione Tassisti d’Italia, Uritaxi, Unica taxi Cgil, Fast Confsal taxi, Confartigianato Taxi, Cna Fita Taxi, Legacoop Produzione e Servizi, ConsulTaxi, Associazione Tutela Legale Taxi. “Vorremmo infatti ricordare che il blocco del rilascio di nuove autorizzazioni di noleggio da rimessa, precedentemente ritenuto legittimo nella sentenza n.56/2020 della Consulta, avrebbe dovuto avere una durata temporale di un anno – aggiungono – il tempo strettamente necessario ad istituire il registro elettronico nazionale nazionale, con il quale poter quantificare il reale ed effettivo numero di operatori del comparto Taxi ed Ncc presenti nel nostro paese, dato ad oggi ancora totalmente sconosciuto. Nelle ultime settimane, dopo un disinteresse durato più di cinque anni da parte di diversi governi, l’esecutivo attualmente in carica ha provveduto finalmente ad ad istituire il registro elettronico nazionale, sbloccando di fatto questa situazione che si protraeva da troppo tempo, lavorando in parallelo anche alla contestuale approvazione dei rimanenti decreti previsti dalla legge 12/2019. Per questa ragione – concludono – attendiamo nei prossimo giorni il varo del Dpcm di disciplina delle piattaforme tecnologiche e il decreto ministeriale sul foglio di servizio elettronico, per chiudere in un contesto di regole certe quanto previsto dalla legge 12/2019 per il settore”. (ANSA).
TAG/ S0A QBXB

CALENDARIO FIERE AGOSTO 2024

26 – 30 agosto

 28° Congresso Nazionale della
Società Chimica Italiana
Sede: Allianz MiCo Ala Nord
Ingressi: Gate 14

Orario:
8:30 – 20:30

ADEGUAMENTO TARIFFARIO 2024

Gentilissimi,
si comunica che in data odierna verrà pubblicato sul Sito del Comune di Milano, al seguente link,
https://www.comune.milano.it/servizi/sportello-taxi
il Calendario relativo all’adeguamento delle tariffe 2024, che vi inviamo anche in allegato.
Le operazioni di aggiornamento e di controllo dei tassametri avranno inizio il 02.07.2024. I nuovi valori tariffari dovranno essere programmati sui tassametri con decorrenza 31 luglio 2024; i tassisti sono tenuti a presentarsi presso l’officina di riferimento secondo il calendario pubblicato.
Cordiali saluti,
Antonella Falanga

image002.png
DIREZIONE SPECIALISTICA AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI
AREA ATTIVITÀ COMMERCIALI E SUAP
Unità Gestione Autopubbliche
Via Larga, 12,
Telef. 02/88465290 – 02/88445754 (09.00-12.00 e 14.00-15.00)

Calendario Adeguamento Tariffe

 

 

 

 

Modifica temporanea dei turni di servizio dei taxi dal giorno 21/06/2024 fino al 28/07/2024.

 

DETERMINA
di autorizzare in via temporanea, la liberalizzazione dei turni di servizio taxi con le seguenti modalità:
dalle ore 18:00 di ogni venerdì alle ore 24:00 di ogni domenica, nei fine settimana dal giorno
21/06/2024 fino al 28/07/2024;
• la liberalizzazione di che trattasi è da intendersi rivolta ai titolari di licenze taxi rilasciate dai Comuni
integrati del Bacino Aeroportuale Lombardo e riguardano la circolazione in carico e scarico nell’ambito
urbano della Città di Milano;
• di dare atto che copia della presente Determinazione Dirigenziale sarà inviata al Comando di Polizia
Locale, per rendere edotta la Polizia Locale, sulle liberalizzazioni che si intende avviare nel periodo di
che trattasi.
IL DIRETTORE (Area Attività Commerciali e SUAP)
Paolo Giuseppe Seris (Dirigente Adottante)

COMUNICATO ALLA CATEGORIA DEL 17 GIUGNO 2024

Oggi ulteriore incontro presso il ministero delle infrastrutture e trasporti con la presenza del Vice Ministro Rixi e i funzionari dei rispettivi Ministeri competenti.

La riunione ha svelato alcune prese di posizioni da tempo rimaste nell’ombra e finalmente venute a galla.

La prima evidente incongruenza emersa riguarda le figure dell’ART e ANTITRUST che dovrebbero essere Autorità indipendenti e super partes, ma invece hanno espresso pareri su documenti non ufficiali, non forniti e mai richiesti dal ministero, ma sicuramente sollecitati da lobbisti al soldo di note multinazionali.

Abbiamo ulteriormente appreso che su questo tavolo di confronto anche una parte di coloro che rappresentano gli interessi delle cooperative e dei consorzi artigiani, hanno una loro visione relativa al mercato dell’intermediazione e propongono soluzioni che di fatto, o per salvaguardare gli organismi economici che rappresentano, consentirebbero ai noleggiatori di aggirare le regole previste dal DPCM sulle piattaforme, azzerandole di fatto.

In merito ai Decreti
1. Abbiamo ribadito unitariamente la contrarietà alla possibilità per il noleggiatore di poter modificare il nominativo dell’utente fino a pochi istanti prima dell’inizio del servizio.

2. Abbiamo richiesto che il foglio di servizio debba essere compilato in ogni caso anche se il servizio viene svolto in Comuni nei quali non è presente il servizio taxi.

3. Nel DPCM di regolamentazione delle piattaforme tecnologiche abbiamo ribadito la necessità, pur distinguendo la diversa natura dei soggetti previsti dall’Art. 7 della Legge 21/1992 (consorzi e cooperative) dalle piattaforme digitali, di avere regole di assegnazione delle corse uguali per tutti e conformi a quanto previsto dalla normativa vigente.

4. Mantenimento nel Decreto sul foglio di servizio elettronico e nel DPCM di regolamentazione delle piattaforme tecnologiche di un tempo di “ingaggio” per il noleggio da rimessa minimo di 30 minuti che consenta la differenziazione dei due servizi, taxi e ncc.

Queste richieste sono state da noi ribadite in modo univoco ai rappresentanti del Governo e su queste nostre posizioni abbiamo purtroppo riscontrato la contrarietà di alcune sigle sindacali e di altre che rappresentano solo gli interessi degli enti economici dei tassisti e spesso anche dei noleggiatori.

Il Vice Ministro si è impegnato a sostenere il lavoro fino ad oggi svolto cercando di mantenere separate le competenze tra servizio taxi e Ncc.

Roma, 17 giugno 2024

Associazione Tutela Legale Taxi – Claai – Fast Confsal – Federtaxi Cisal – Or.s.a. Taxi – Satam-Sitan – Tam – Ugl Taxi – Unica Taxi Cgil – Unimpresa – Unione Artigiani – Unione Tassisti d’Italia – Uritaxi.

TAXI: MIT, A BREVE REGISTRO NAZIONALE E FOGLIO DI SERVIZIO ELETTRONICI

Roma, 17 giu. – (Labitalia) – Prosegue il confronto con le categorie Taxi-Ncc. In vista dell’imminente adozione dei decreti che riguardano il settore dei trasporti pubblici non di linea, è stato convocato presso la sala Biblioteca del Mit un raffronto intermedio con le associazioni di Taxi e Ncc. Nell’ambito dell’incontro sono stati illustrati, in linea di massima, i contenuti dei provvedimenti da adottare. Un dialogo – fa sapere il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in una nota – aperto e costruttivo in linea con quanto condiviso nelle precedenti interlocuzioni, in particolare rappresentando l’iter istituzionale in atto con le amministrazioni interessate. A breve saranno adottati i provvedimenti riguardanti il registro elettronico nazionale e il decreto – di concerto con il Ministero dell’Interno – sul foglio di servizio elettronico. “Un impegno che punta a garantire una transizione armonica e la migliore tutela degli interessi di tutte le parti coinvolte”, conclude il Mit.

COMUNICATO DEL 4 GIUGNO 2024

“Dall’incontro che si è svolto nella giornata odierna, presso il Ministero dei Trasporti, alla presenza del vice Ministro Edoardo Rixi, è emersa in modo chiaro la volontà di approvare in tempi rapidi i decreti attuativi della legge 12/19 al fine di riuscire a contrastare realmente i diffusi fenomeni di concorrenza sleale e abusivismo presenti nel settore che pregiudicano la tenuta del servizio pubblico e delle sue garanzie a tutela dell’utenza”. E’ quanto dichiarano unanimemente Uiltrasporti, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Satam, Tam, Claai, Unione Artigiani, Unione Tassisti d’Italia, Uritaxi, Fast Confal taxi, Unica taxi Cgil, Orsa taxi, Usb taxi, Unimpresa, Sitan/Atn. “Il vice Ministro Rixi ha preso atto delle riserve manifestate dalle varie sigle sindacali presenti – aggiungono – evidenziando che sarà possibile approfondire alcuni elementi di merito e ricordando che già sono stati raccolti sul lavoro fatto, alcuni dei previsti pareri che le varie authority devono rilasciare. L’impegno del vice Ministro Rixi è quello di trovare soluzioni tecniche e normative che diano risposte adeguate ai problemi sollevati, prevedendo un nuovo confronto con le strutture sindacali il prossimo 17 giugno”